BRASILE

DSC_0158

MEMBRO ICO codice n°2 – Gruppo “Arabica naturali”

SPECIE BOTANICHE Arabica (75%) e Robusta (25%)

SACCHI da 60 kg in juta (tara 0,5 kg)
FIORITURA        PRINCIPALE da agosto a settembre

SECONDARIA da ottobre a novembre
RACCOLTO       da maggio a novembre
ESPORTAZIONE a partire da giugno/luglio

PORTO DI IMBARCO i principali sono Santos e Vitoria
METODO DI RACCOLTA stripping meccanico

PRODUZIONE ANNUA*         2014                    52.299

                                                         2015                    50.376

                                                         2016                    55.000

* (x 1000 sacchi, fonte ICO, anno raccolto da aprile a marzo)

 

 

Primo produttore di caffè al mondo, il Brasile produce principalmente Arabica naturale, ma negli ultimi anni sta espandendo in maniera consistente anche la produzione di Robusta (Conilon) e Arabica lavati e semi-lavati. Il caffè fu introdotto in questo paese dalla Guyana francese all’inizio del 18° secolo in Belem do Para e viene oggi prodotto in 17 Stati, anche se gran parte della produzione si concentra nei quattro Stati di Minas Gerais, Sao Paolo, Paranà ed Espirito Santo.

Si narra che le prime piante di caffè giunsero grazie a Francisco de Melo Palheta, un ufficiale dell’esercito brasiliano, noto oggi come il “Don Giovanni del caffè”. Inviato a dirimere una controversia al confine tra la Guyana francese e il Suriname, Palheta utilizzò le sue doti mediatorie e il suo carisma per risolvere la questione, avvicinandosi alla moglie del governatore della Guyana, che si invaghì di lui. Una volta sistemata la faccenda, la moglie del governatore offrì come regalo d’addio a Palheta un bouquet di fiori al cui interno si nascondevano delle piante e dei germogli di caffè. Fu così che nacque uno dei più grandi imperi caffeicoli.

Dal 1820, il caffè iniziò ad occupare una posizione di importanza rilevante fino a diventare nel giro di pochi anni il primo prodotto esportato del Paese, complice anche la flessione nei mercati internazionali della canna da zucchero. La crescente domanda di caffè brasiliani dall’Europa e dagli Stati Uniti permise al Paese di diventare nel giro di un ventennio il maggior esportare al mondo, contribuendo ad una profonda trasformazione dal punto di vista sociale ed economico. I proprietari delle piantagioni infatti si elevarono a ceto sociale emergente, i cosiddetti “baroni del caffè”, con influenze notevoli dal punto di visto economico, sociale e politico. Fu infatti da un loro impeto che il Brasile fu proclamata Repubblica Federale il 15 novembre 1889.

La qualità più comune è sicuramente il Santos, che prende il nome dall’omonimo porto brasiliano, uno dei più importanti per quanto riguarda l’esportazione di caffè e materie prime in generale, ed indica i caffè fini prodotti negli Stati del Minas Gerais, Sao Paolo e Paranà. Molto conosciuto è anche il Rio, che inizialmente si riferiva a una particolare qualità prodotta nello stato di Rio de Janeiro ed esportata dallo stesso porto, caratterizzata da un sapore particolare, molto vicino all’acqua salata o all’acido fenico. Oggi questo caffè viene prodotto anche nella Zona da Mata, una regione del Minas Gerais, e nello stato di Espirto Santo, viene esportato dai porti di Rio de Janeiro e Vitoria ed è commercializzato col nome Rio Minas. Degna di menzione è anche la qualità robusta denominata Conilon, che, come detto, è in rapida espansione passando nel giro di pochi anni dal 10% al 25% sul totale della produzione brasiliana ed è destinata a crescere ulteriormente. Coltivato prevalentemente nell’Espirito Santo, questa qualità viene destinata in gran parte per la produzioni di caffè solubile. Nel corso degli ultimi anni il volume di Conilon si è notevolmente ridotto a causa della persistente siccità che ha contraddistinto le zone di produzione in Espirito Santo. Per questo motivo la CECAFE, l’Associazione Brasiliana degli Esportatori di caffè, starebbe ora considerando di prendere la storica decisione e permettere l’importazione di caffè Robusta da altri Paesi per soddisfare la necessità dell’industria locale.

I caffè brasiliani hanno un classificazione molto completa regolata dal COB (Classificacao Original Brasilera) e, a fianco alla denominazione Santos, vengono aggiunte descrizioni sulla zona di origine, i difetti, le dimensioni del chicco, il sapore e il raccolto. In disuso invece la classificazione per colore e per tostatura.

 

IL BRASILE E I CAFFE’ SPECIALTY

 

Il caffè brasiliano viene spesso sottostimato dal momento che storicamente la produzione si basa su dei parametri quantitativi piuttosto che qualitativi. Questo pensiero ha contribuito a dare ai caffè di questo Paese un’immagine negativa a livello globale. Da diversi anni invece alcune zone di produzione hanno iniziato a usare metodi di lavorazione sperimentali e innovativi che potessero compensare il fatto di trovarsi a basse altitudini, condizione non proporio favorevole per la produzione di caffè pregiati.

La prima regione ad avviare, nel 1970, una produzione di caffè speciali è stata quella del Cerrado che attraversa il Goias e il Minas Gerais e che presenta condizioni ambientali molto favorevoli. Qui

infatti le proprietà chimiche del terreno risultano ideali e la distinzione netta tra stagione umida e secca unita ad un livello di umidità molto basso permettono una maturazione lenta e graduale.

Nel 1990 è stata quindi costituita la Federazione della Regione del Cerrado Mineiro per tutelare il caffè prodotto in quell’area e creare la prima denominazione di origine dedicata al caffè.

Oggi, oltre al Cerrado, si producono microlotti di qualità eccellente anche nel Paranà con metodi di lavorazione che vanno dai più tradizionali metodo a secco e pulped natural o alcuni più innovativi come red honey e a doppia fermentazione.

 DSC_0024 DSC_0033 DSC_0036 DSC_0148 DSC_0158 umami coffee camp harvesting machine 2

FAZENDA CALIFORNIA DOUBLE FERMENTATION

 

LAVORAZIONE Doppia fermentazione. Consiste nel lasciare immerse le ciliegie mature in acqua fredda (6° C) per 8 – 12 ore, successivamente si passa alla spolpatura e si procede con una seconda fermentazione in vasca per altre 12 ore

 

ZONA DI PRODUZIONE Jacarezinho, Paranà

 

ALTITUDINE 600-700 metri, compensati da una elevata latitudine (23° S)

 

VARIETA’ BOTANICA Obata

 

CRIVELLO 16/17

 

COLORE verde brillante

 

 

TOSTATURA i caffè brasiliani crescono ad altitudini modeste, di conseguenza la densità dei chicchi è piuttosto scarsa; si consiglia quindi una tostatura a temperature meno elevate in ingresso, perché gradi più elevati farebbero emergere note carboniche e amare.

 

TAZZA A seguito del particolare metodo di lavorazione questo caffè possiede caratteristiche di caffè naturali e lavati allo stesso tempo. Elevata complessità aromatica, acidità prevalentemente lattica e citrica unite a dolcezza e corposità rendono questa tazza bilanciata e perfettamente equilibrata.

 

 

Written By
More from Michela

BRASILE

MEMBRO ICO codice n°2 – Gruppo “Arabica naturali” SPECIE BOTANICHE Arabica (75%)...
Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *